Download
Download is available until [expire_date]
  • Versione
  • Download 94
  • Dimensioni file 5.29 MB
  • Conteggio file 1
  • Data di creazione 17 Novembre 2023
  • Ultimo aggiornamento 14 Marzo 2024

Working paper Airi: Nuove competenze della ricerca e innovazione industriale per l'economia circolare

Il working paper Nuove competenze della ricerca e innovazione industriale per l’economia circolare, elaborato dal Gruppo di lavoro AIRI “Education, Giovani, Ricerca e Industria" porta all’attenzione pubblica come la transizione energetica e digitale risponda anche a un processo di transizione generazionale, che esprime nuovi bisogni di responsabilità sociale e ambientale.

Crediamo che questo lavoro sia utile alla Scuola e alle Università per focalizzare nuovi percorsi curriculari indirizzati a colmare il gap di competenze riscontrato con l’avvio la transizione digitale e green. Un divario già analizzato nel primo working paper AIRI Nuove competenze Digitali e Green nella Ricerca e Sviluppo Industriale del 2022. Dai due lavori emerge infatti un quadro sfaccettato di professionalità che le imprese desiderano acquisire.

Quest'ultimo lavoro delinea più nel concreto i nuovi assetti organizzativi e le nuove figure professionali introdotte dalle aziende e dimostra come la transizione verso le zero emissioni nette si può tradurre in nuove competenze professionali della R&S.

La ricerca e l’innovazione possono fornire un apporto significativo alla decarbonizzazione del sistema produttivo, traducendo i criteri ESG (Environmental, Social, Governance), i requisiti richiesti dal corpus di norme europee e dagli standard di sostenibilità, in modelli di produzione e prassi industriali.

Casi studio virtuosi dai Soci Airi

Pirelli, Gruppo Heidelberg Materials Italia Cementi, Smigroup-Smilab, Lapetre sono stati identificati come esempi concreti della nuova governance organizzativa, che prevede processi di riorganizzazione circolare.

Inoltre, sono state definite delle raccomandazioni per delineare nuovi percorsi di formazione rivolti al personale della R&S nell’economia circolare.  Le raccomandazioni sono tratte da interessanti casi studio provenienti dal settore pubblico: le esperienze dell'ENEA in tema di conferimento di “assegni di ricerca” sui molteplici aspetti dell’economia circolare e di quelle dell’Università di Pisa per il reskilling del personale.

Il principio virtuoso di base è quello di far comunicare R&S e Innovazione, studio del prodotto e del processo con i feed-back dal mercato, avviando le necessarie trasformazioni del ciclo di vita del prodotto e delle abitudini di consumo, formulando nuovi modelli di business.