• Version
  • Scarica
  • Dimensioni file 1 MB
  • File Count
  • Data di Pubblicazione 14 Maggio 2004
  • Ultimo aggiornamento 8 Ottobre 2020

Primo Censimento delle Nanotecnologie in Italia 2004.

Il Censimento, iniziato nella tarda primavera 2003, è stato effettuato seguendo un approccio a due steps. Un primo questionario, uguale per le imprese e le istituzioni di ricerca pubbliche, è stato fatto circolare nell’ambito delle strutture suddette in un numero piuttosto elevato al fine di testare la validità delle domande poste e l’effettivo feedback da parte dei censiti.
L’analisi dei dati raccolti ha suggerito l’opportunità di introdurre alcune modifiche e pertanto è stato preparato un secondo questionario che facilitasse ulteriormente la raccolta dei dati rilevanti, differenziandolo leggermente a seconda che fosse destinato a imprese od a strutture di ricerca pubbliche. In particolare, per ciò che riguarda i dati relativi al numero delle persone impegnate nelle nanotecnologie, data la sensibilità di questa informazione alle imprese è stato chiesto di fornire un range
piuttosto che un numero preciso (in allegato sono riportati i due questionari utilizzati).
Il nuovo questionario è stato quindi distribuito capillarmente su tutto il territorio nazionale inviandolo ad Università, centri di ricerca pubblici e privati, grandi imprese e PMI.
Alla fine di aprile 2004, quando il censimento è stato chiuso, erano stati inviati complessivamente oltre 600 questionari (2°versione). Di questi 119, ovvero circa il 20%, quasi tutti debitamente compilati in tutte le loro parti, sono tornati indietro: 93 appartenevano a strutture di ricerca pubbliche, 23 ad imprese private e 3 a strutture di servizi per la ricerca. Se a queste si aggiungessero anche le schede relative a quelle strutture (Universitarie) che hanno risposto soltanto al primo questionario, il numero di quanti hanno dichiarato un impegno nelle nanotecnologie salirebbe a 141. Ma per la disomogeneità dei dati, queste schede non sono state prese in considerazione e per il censimento sono stati utilizzati soltanto i dati relativi alle 119 strutture che hanno risposto al 2° questionario, integrati talvolta con contatti diretti e informazioni reperibili sui rispettivi siti web.