Responsabilità nella R&S

La promozione della Responsabilità nei processi di ricerca e innovazione è ormai da diversi anni una delle azioni strategiche delle politiche europee, con un approccio rivolto sia agli aspetti etici legati alla ricerca scientifica (responsabilità della ricerca, si veda per riferimento “The EU Charter for Researcher, and the Code of Conduct for the recruitment of reserchers”), sia agli impatti etici, legali e sociali dell’innovazione tecnologica (responsabilità della innovazione). Tali due approcci sono confluiti nel concetto di Ricerca e Innovazione Responsabile, che a partire dal Settimo Programma Quadro rientra sia come elemento cardine del programma “Science with and for Society”, sia come approccio trasversale nei programmi dedicati a settori applicativi specifici.

Sei gli elementi distintivi (“RRI pillars”) del concetto RRI: Public engagement, Gender equality and diversity in R&I, Science education, Open access, Ethics, Governance, a cui sono stati aggiunti recentemente Social justice/Inclusion e Sustainability. Tale azione ha portato ad una crescita della sensibilità e attenzione verso gli impatti sociali della R&I, ed infatti nella la struttura portante del nuovo programma Horizon Europe – basata sul concetto di ricerca e innovazione “mission oriented”- l’obiettivo di qualità ed eccellenza tecnologica e competitività si integra con la richiesta di rispondenza alle esigenze e sfide della società. I concetti introdotti dalla RRI si espandono ulteriormente, con elementi metodologici quali Open Science, Open Innovation e co-creation che sono ormai parte fondante del nuovo programma.

Su tali Temi Airi ha sviluppato una significativa esperienza attraverso la partecipazione a numerosi progetti europei quali ad es. NANODIODE, RESPONSIBLE INDUSTRY, SATORI, CALIBRATE, PRISMA, GONANO, GOV4NANO.

Parallelamente e per la prima volta in Italia, a valle di un Accordo con il CNR (iniziato nel 2015 e rinnovato nel 2018), Airi ha proceduto ad una elaborazione di principi guida per il sistema nazionale attraverso la costituzione di Tavoli Tecnici che hanno coinvolto importanti attori del Sistema R&D quali ad es. Airi, Apre, CNR, Cotec, Eutronica, Federchimica, Fondazione Sodalitas, Istituto Italiano Tecnologia, Inail, Link Campus University, Mapei, Unioncamere, Università̀ La Sapienza e Uni – Ente Italiano di Normazione.

L’esperienza maturata a livello nazionale ed internazionale ha anche portato l’Associazione a coordinare un gruppo di lavoro in ambito CEN per sviluppare la linea guida CEN CWA 105 “Guidelines to develop long term strategies (roadmaps) to innovate responsibly”, collegata alla norma sviluppata con UNI a livello italiano UNI/PdR 27 “Linee guida per la gestione e lo sviluppo di processi per l’Innovazione Responsabile”.

Notizie in evidenza

Pubblicazioni