Approvato dalla Commissione Europea il PON Imprese e Competitività 2014-2020

Approvato il Programma Operativo Nazionale (PON) Imprese e Competitività 2014-2020, che intende apportare investimenti nei settori chiave nelle Regioni del Mezzogiorno (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia) e in quelle in transizione (Abruzzo, Molise, Sardegna).
Il PON punta anche alla convergenza Sud/Centro-Nord finalizzata alla salvaguardia del tessuto produttivo esistente ed alla riqualificazione dei modelli di specializzazione produttiva.

L’analisi di partenza identifica specifici aspetti strutturali sui quali intervenire:
– Frammentazione del sistema manifatturiero;
– Sbilanciamento del tessuto produttivo verso settori industriali a minore contenuto tecnologico;
– Basso grado di internazionalizzazione e di attrattività internazionale;
– Rischio di fuoriuscita di grandi aziende dai comparti strategici;
– Basso livello di produttività e capacità innovativa;
– Basso grado di penetrazione della banda ultralarga e adeguatezza strutturale della rete elettrica.

Gli interventi per incentivare la crescita e affrontare tali problemi vertono su 4 obiettivi tematici:
• OT 1 – rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione
• OT 2 – migliorare l’accesso e l’utilizzo del ICT, nonché l’impiego e la qualità delle medesime
• OT 3 – promuovere la competitività delle piccole e medie imprese
• OT 4 – sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori.

Il budget complessivo è di oltre 2,4 miliardi di euro, di cui 1,7 miliardi provenienti dal Fondo europeo per lo sviluppo regionale (FESR) e 643 milioni di cofinanziamento nazionale.

Per quanto riguarda l’intervento OT1 – ricerca e innovazione, con 529 milioni di euro circa (29,7% del budget complessivo UE), il PON concentra il proprio campo di azione su attività di R&S e industrializzazione relative alle tecnologie chiave abilitanti (KETs) o di tecnologie prioritarie con finalità generali, privilegiando comunque tecnologie close to market (TRL 5-9) con preferenza maggiore per fasi di industrializzazione avanzate (TRL 7-9).

Fonte: MISE

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi