STLUX, storia di un successo


La storia di STLUX comincia negli anni 2007-2008, quando in STMicroelectronics ci si prepara alla rivoluzione dell’illuminazione a LED e ci si prospetta la capillare diffusione a cui oggi assistiamo. I progettisti di ST intuiscono una svolta molto importante: oltre a continuare a lavorare alla riduzione drastica dei consumi energetici, emerge la possibilità di lavorare ad un’illuminazione capace di analizzare la situazione ambientale tramite sensori che rilevano la presenza o l’intensità di luce diurna, dialogare con la rete internet e gestire autonomamente l’erogazione di luce artificiale. Tipicamente, un’illuminazione stradale intelligente in cui i lampioni aumentano di intensità quando il buio avanza o si spengono gradualmente alle luci dell’alba; o che riconosce l’assenza di persone o auto e abbassa l’erogazione, pronta ad attivarsi al segnale del sensore di presenza.

Proprio dalla collaborazione con un leader europeo del settore e dall’esperienza ST nasce l’idea di STLUX, primo controllore universale di luce al mondo. Un team di una trentina di ricercatori dei laboratori ST ad Agrate Brianza e a Castelletto (entrambi vicino Milano) ha così brevettato a livello internazionale l’innovazione, unica al mondo, di STLUX: macchine a stati chiamate SMED (State Machine Event Driven) che controllano la potenza erogata agli elementi illuminanti interagendo tra loro e rispondendo a segnali esterni tramite una matrice di commutazione programmabile.

L’articolo completo è riservato agli abbonati di Notizie Airi.

Nello stesso numero 187/2015

            • Giornata Airi per l’Innovazione: il nuovo Programma nazionale della ricerca tra novità e incertezze sulle risorse
            • Credito d’imposta e Patent Box: i pareri dell’Airi sui decreti attuativi.
            • Premio Oscar Masi: vince ST-LUX, “Il primo controller universale di luce al mondo”

Indice Notizie Airi 187

Richiedere un abbonamento annuale.

Notizie recenti